17
Gennaio
2022

Innovazione

Impianti di Manutenzione Trenitalia - Napoli Gianturco

di Martina Quadrino

A Napoli Gianturco l’impianto green dei Frecciarossa

In un’area di circa 440mila metri quadrati nella periferia Est di Napoli sorge il principale impianto di manutenzione dell’Alta Velocità di Trenitalia. In questo polo di riparazione e manutenzione si analizzano ogni mese circa mille Frecce, al fine di prevenire ed eliminare possibili criticità prima del loro viaggio.

Nato nel 1868 come rimessa di locomotive a vapore, lo stabilimento ha subito nel corso degli ultimi anni una forte riconversione green grazie all’innovazione tecnologica e all’utilizzo di fonti energetiche alternative.

Per abbattere i consumi di carburante di origine fossile, è stato installato un impianto fotovoltaico da 1.870 pannelli e un depuratore per le acque reflue. Nei prossimi mesi, a completamento dell’autonomia energetica, si intonacherà la nuova palazzina degli uffici con vernici che riflettono i raggi solari e contengono così lo scambio termico.

Grazie all’eccellenza di quest’impianto di Trenitalia, i treni viaggiano spediti verso il futuro e guardano sempre di più alla sostenibilità: alla fine del loro ciclo vitale, infatti, saranno riciclabili al 97% con l’obiettivo di costruirne di nuovi fatti interamente da materie prime provenienti dall’industria del riciclo. Secondo Pietro Diamantini, Direttore Business AV di Trenitalia, «le strategie di Trenitalia sono in linea con quelle del Gruppo FS Italiane, cioè fare investimenti importanti sotto tutti gli aspetti: dalle infrastrutture al materiale rotabile, all’utilizzo di nuove tecnologie finalizzate al miglioramento dell’impatto ambientale che tutto il nostro processo produce».