29
Settembre
2021

Responsabilità Sociale

di Giorgio Desio Mirando

Donne per le donne

Nella stazione di Lecce un mosaico artistico per promuovere diversity&inclusion

Le stazioni rappresentano sempre più non un semplice luogo di passaggio per i viaggiatori, ma un hub centrale delle nuove città, nucleo portante della vita metropolitana e strumento attraverso il quale veicolare messaggi per l’intera comunità, anche attraverso l’arte.

Grazie alla collaborazione tra FS, l’Associazione culturale OpenArtLab ets, il Comune di Lecce e ARCI Lecce, un nuovo mosaico fatto da donne e dedicato alle donne è stato installato sul muro che delimita il Parco Tafuro dalla ferrovia leccese.

L’opera d’arte raffigura personaggi femminili simbolo di libertà e speranza, come Saamiy Yusuf Omar, velocista somala morta nel Mediterraneo durante il viaggio per arrivare in Europa, la cilena El Mimo, attivista dei diritti umani, Lady DianaFranca Viola, prima donna ad aver rifiutato il matrimonio e denunciato il suo stupratore, Clara Woods, giovane pittrice disabile protagonista di un progetto che vede nell’arte un mezzo attraverso il quale annullare ogni forma di pregiudizio, Emily Davison, suffragetta inglese impegnata nella conquista del voto per le donne.

C’è anche Liliana Segre, sopravvissuta all’Olocausto e nominata senatrice a vita nel 2018, ritratta fin da giovanissima e in versione contemporanea, che guarda al futuro attraverso la memoria: un vero e proprio monito a vecchie e nuove generazioni per costruire ciò che verrà senza dimenticare le proprie radici.

Un mosaico fatto di tante tessere diverse, ognuna con la sua storia e con il suo insegnamento, ma che insieme costituiscono un’immagine fatta di bellezza e poesia, senza differenze e diseguaglianze.