25
Agosto
2021

Racconti dal territorio

Photo Credits immagine di copertina: Alex Filz

di Flavio Scheggi

Verso la cima

“L’obiettivo del mio lavoro è vedere le persone che lasciano la macchina a casa e arrivano in valle usando il treno, i mezzi pubblici; qui possono scoprire il territorio spostandosi con le bici elettriche. La bici ti dà la libertà che non puoi avere con il mezzo privato, visto che si deve fermare alle varie sbarre che chiudono le strade. Con le e-bike invece riesci ad andare ovunque”.

Sono le parole di Max Messner, guida locale di mountain bike, che ci accompagna alla scoperta della Val di Funes. Siamo in Alto Adige. Questa piccola valle di soli 24 chilometri, comprende le frazioni di TisoSan PietroSanta Maddalena, San Valentino, San Giacomo e Coller ; si trova ai piedi dalle maestose cime del Gruppo delle Odle e si spinge fino ai vigneti della Valle Isarco.

“Una volta arrivati in treno nella stazione di Bressanone – ci spiega Max – si potrà affittare una e-bike e attraverso una pista di collegamento raggiungere Albes per poi proseguire attraverso fattorie e prati fino a Tiso, il primo paese della Valle dove siamo già ad oltre 800 metri di quota. Da lì il percorso prosegue fino a San Pietro e Santa Maddalena dove a 1.300 metri si incontra la chiesa di San Giovanni circondata dal prato con le Odle sullo sfondo”.

Il percorso di circa 15 chilometri è alla portata di tutti, grazie alla bici con la pedalata assistita: “Un mezzo che permette di ammirare il paesaggio e arrivare in altitudine rilassato, senza dolori muscolari e senza emissioni inquinanti, salvaguardando l’ambiente”.

Una volta arrivati nel cuore della valle, la nostra guida ci consiglia di proseguire alla scoperta delle varie baite e rifugi: “Possiamo pedalare immersi nella natura per raggiungere la baita Geisler, o le malghe Glatsch, Gampen e Kaserill o il rifugio Genova a oltre 2.000 metri. Luoghi per un meritato riposo ed un pranzo con prodotti tipici. Vedevo le persone che facevano fatica perché in valle o c’è salita o c’è discesa. Quindi ho pensato che l’e-bike fosse il mezzo perfetto per accontentare anche i clienti non troppo sportivi. Ogni baita è dotata di un parcheggio per le bici fatto in legno dove si può ricaricare la bici”.

Per incentivare la mobilità green, la Provincia di Bolzano e Trenitalia hanno attivato una promozione, valida fino al 15 settembre. Chi acquista sul sito di Trenitalia il biglietto con destinazione Bolzano, Merano, Bressanone, Laives, Brunico, Vipiteno o Chiusa e tre pernottamenti in strutture aderenti all’iniziativa, avrà uno sconto sul prezzo del biglietto ed il rimborso direttamente dall’hotel.