03
Febbraio
2021

Le Persone e il Fare

di Chiara Cianfarani

La missione green dei treni d'epoca per la Fondazione FS

Antonio, 27 anni, lavora ogni giorno, insieme al suo team, per valorizzare il patrimonio storico ferroviario della Fondazione FS.

Quattrocento rotabili d’epoca, fondi archivistici e bibliotecari, i musei di Pietrarsa e Trieste Campo Marzio, le linee ferroviarie oggi recuperate a una nuova vocazione turistica con il progetto Binari senza tempo. Questo l’inestimabile tesoro di Ferrovie dello Stato Italiane custodito dalla Fondazione FS, costituita il 6 marzo 2013 con lo scopo di promuovere la valorizzazione del Made in Italy e dei territori, spina dorsale di un turismo sostenibile inteso come asset strategico per lo sviluppo del Paese.  

 

Tra i progetti green di cui si occupa Antonio c’è il recupero della flotta degli ElettroTreni che hanno fatto la storia delle ferrovie italiane, dal Polifemo, che nel luglio del 1939 ha battuto il record mondiale di velocità, superando i 200km/h all’ETR203, al Settebello, che ha segnato la rinascita dell’Italia nel Dopoguerra, pronto a diventare bandiera di un nuovo turismo di prossimità.