04
Ottobre
2021

Sostenibilità

di Raffaella Rosati

Puliamo il mondo 2021

Sui piazzali delle nostre stazioni, sabato 2 ottobre, siamo arrivati in tanti. Ma questa volta non lavoriamo come gli altri giorni, sui treni, sugli autobus, negli uffici, sulla linea. Questa volta, come recita la pettorina gialla di Legambiente che indossiamo, “stiamo lavorando per noi”. Si legge sui volti, si sorride, c’è entusiasmo, voglia di fare. Siamo tanti, tra colleghi, compagni, mariti, mogli e bambini. Equipaggiati di guanti, sacchi, rastrelli e palette, ci dividiamo in gruppi e seguiamo gli amici di Legambiente per ripulire le aree intorno alle stazioni di Milano, Verona Porta Vescovio, Firenze, Roma Prenestina, Bari, Napoli, Palermo e Paola.

Mani che cercano, dopo qualche minuto, i primi sacchi pieni e la soddisfazione di fare davvero qualcosa di concreto insieme. I più coraggiosi recuperano addirittura copertoni, pentole, materassi, di tutto. Per un totale, soltanto a Roma, di 471 kg di rifiuti raccolti insieme, senza contare quelli ingombranti. 

I più piccoli giocano, creano “la stazione che vorrei” con materiali di riciclo, sorridenti sotto i loro cappellini rosso FS. Inutile dire che la loro stazione è ineguagliabile, si chiama Stazione Avventura, è tutta di cartone e contiene ogni cosa si possa desiderare: un muro per l’arrampicata e un trampolino, un laghetto con la foresta subacquea, la gelateria fantasia, il giardino incantato, il distributore di caramelle, un treno che più colorato non si può e soprattutto fiori e alberi come non ne abbiamo mai visti. Questo è quello che sognano e per cui lavorare, tutti insieme, ancora.

Come nelle precedenti edizioni, Puliamo il Mondo di quest’anno vede FS Italiane, insieme a Legambiente, in prima linea non solo per rendere le città più belle e vivibili, ma anche per lanciare un messaggio di speranza in un futuro sostenibile.